Storia

Nella nostra storia c’è scritta anche la tua

La nostra è una storia lunga più di un secolo, che si è inserita nei grandi cambiamenti che a fine '800, a seguito della Rivoluzione Industriale, hanno portato alla nascita del Credito Cooperativo.

1883

Il seme della cooperazione

La Rivoluzione Industriale mette in crisi l’economia agricola: per aiutare i contadini ad accedere al credito, il 20 giugno 1883 Leone Wollemborg promuove la nascita della prima Cassa Rurale italiana a Loreggia, in provincia di Padova, dando vita a una nuova forma di credito sul modello Raiffeisen sviluppato in Germania, fondato sul localismo e su motivazioni etiche di ispirazione cristiana.

1902

I primi germogli

Il modello cooperativo cresce e si rafforza in tutta Italia. Nei nostri territori, il 16 febbraio 1902 nasce la Cassa Rurale di Depositi e Prestiti di Castenaso, mentre il 25 marzo dello stesso anno viene firmato l'atto costitutivo della Cassa Rurale di Depositi e Prestiti di San Benedetto del Querceto (divenuta, successivamente, "di Monterenzio"): sono le due capostipiti di quella che oggi è BCC Felsinea.

1909

La Federazione

Nasce la Federazione Italiana delle Casse Rurali, fondata da Leone Wollemborg con funzioni di supporto, rappresentanza e tutela delle banche associate.

1922

Tentativi di sradicamento

A partire dal 1922, le Casse Rurali entrano in una difficile fase storica: il regime fascista cerca di sradicare il movimento cooperativo per assumerne il controllo, arrivando a sciogliere la Federazione nel 1936. La Grande depressione del '29 e la Seconda guerra mondiale indeboliscono ulteriormente il sistema cooperativo.

1932

Il primo riconoscimento

Nella legge n. 656 del 6 giugno 1932 (Ordinamento delle Casse Rurali ed Agrarie) si parla per la prima volta di “società cooperative in nome collettivo aventi per principale oggetto l’esercizio del credito agrario”: si riconosce, così, la connotazione sostanzialmente mutualistica.

1937

Il Testo Unico delle Casse Rurali ed Artigiane

Entra in vigore il Testo Unico delle Casse Rurali ed Artigiane (TUCRA), che dispone, fra le altre cose, il cambio di denominazione degli istituti di credito in Casse Rurali ed Artigiane.

1950 - 1960

Sviluppo e consolidamento

La rinascita cooperativa attraversa la voglia di riscatto del dopoguerra fino all’entusiasmo del boom economico degli anni ’60. Nel 1950 viene anche ricostituita la Federazione Italiana delle Casse Rurali ed Artigiane che, a partire dagli anni Sessanta, intraprende l'attività di rilancio del movimento e dell'operatività delle banche affiliate.

1971

La Federazione regionale

Nasce quella che oggi è la Federazione delle Banche di Credito Cooperativo dell'Emilia-Romagna, che costituisce l'organismo associativo delle BCC della Regione a cui fornisce rappresentanza, assistenza, consulenza e formazione.

1993

Il Testo Unico Bancario

Il nuovo Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TUB) cancella i precedenti limiti di governance e operatività consentendo di avere tra i propri Soci non più solo agricoltori e artigiani, e di offrire tutti i servizi e i prodotti finanziari al pari delle altre banche, oltre che di ampliare la propria zona di competenza. Nel riordino generale delle forme giuridiche che le banche italiane possono assumere, le Casse Rurali cambiano denominazione in Banche di Credito Cooperativo.

1993 - 2015

La crescita

Il Credito Cooperativo si conferma un modello solido e affidabile, crescendo nei volumi, nel numero degli sportelli e aumentando le quote di mercato.

2016

La Riforma del Credito Cooperativo

La Riforma del Credito Cooperativo genera un cambiamento radicale nel modello cooperativo italiano e porta alla nascita dei Gruppi Bancari Cooperativi, fra cui il nostro Gruppo Cassa Centrale. L’obiettivo della Riforma è ottenere un sistema più coeso ed efficiente, pur nell’autonomia delle singole banche.

2017

La nascita di BCC Felsinea

L'1 aprile 2017 BCC Castenaso e BCC Monterenzio si fondono dando vita a BCC Felsinea: una realtà solida, forte di un grande radicamento territoriale.

2018

BCC Felsinea si espande

L'1 ottobre 2018 BCC Felsinea accoglie nella sua compagine BCC Alto Reno, nata nel 1972 a seguito della fusione di quattro Banche di Credito Cooperativo operanti nel territorio dell'Appennino tosco-emiliano sin dal 1899. La nostra banca diviene, così, sempre più espressione del territorio e punto di riferimento per le comunità locali.

2019

L'ingresso nel Gruppo Cassa Centrale

L'1 gennaio 2019 BCC Felsinea entra nel Gruppo Bancario Cooperativo Cassa Centrale con la volontà di continuare a valorizzare il territorio attraverso un’offerta attenta alle persone, secondo logiche di mutualità, condivisione e autonomia.

La nostra identità nei nostri simboli

6